Il Palloncino Pagliaccino...
     
 

"In un paese molto lontano, tutti gli anni, in prossimità del Carnevale, veniva allestita una meravigliosa festa.

C’erano le montagne russe, gli autoscontri, i gonfiabili e tantissimi altri giochi.

I bambini potevano mangiare il gelato, lo zucchero filato, le caramelle gommose e i lecca lecca.

Tutti potevano suonare trombette e lanciare coriandoli e stelle filanti, la strada diventava di mille colori.

Vicino alle giostre c’era anche un venditore di  palloncini, ne aveva  di tanti colori e delle forme più svariate: c’era quello a forma di macchina, di cuore, di farfalla, quello delle Winx, di Dragonball...

e infine c’era anche un piccolo, tondo  e semplicissimo  palloncino blu!

Questo palloncino blu, pero’ era un po’ triste perché i bambini non lo sceglievano mai.

Anche quest’anno nessuno aveva voluto portarlo con sé e lui comincio’ ad intristirsi finchè non scoppio’ a piangere.

Per fortuna Arietta, che cerca sempre di aiutare gli amici, sentì il palloncino che piangeva e gli disse: “Piccolo palloncino non piangere e dimmi, cosa ti piacerebbe fare?”

Il pallocino rispose:”Vorrei trovare qualche amico con cui passare le mie giornate, ma nessuno mi vuole!”

Arietta allora gli disse: “Non ti preoccupare, ci penso io, conosco un posto dove puoi andare e dove ti divertirai tantissimo! Pero’ devi avere pazienza perché il viaggio sarà lungo”

Il palloncino blu allora disse: “Va bene Arietta, mi affido a te, trovami un amico con cui giocare”.

A quel punto Arietta soffio’ così forte che il palloncino blu sfuggì dalla mano del venditore e comincio’ a volare nel cielo blu!

“Che bello volare!” disse subito il palloncino blu!

“Si vede tutto piccolo quassù dal cielo, addio a tutti, vado a conoscere nuovi amici!”

Intanto che volava felice, il palloncino blu salutava tutti gli uccellini che incontrava.

Si rotolava e saltellava entusiasta sulle nuvole.

Si faceva dare un passaggio ora da un aeroplano diretto a New-York…

ora da una mongolfiera piena di animali che facevano il giro del mondo.

Finchè, finalmente, dopo tante divertenti avventure il palloncino blu arrivo’ a destinazione, Arietta lo aveva portato nel circo più grande del mondo.

C’erano animali ammaestrati, giocolieri e  acrobati… ma soprattutto c’era un simpaticissimo pagliaccio di nome Escamillo, che non appena vide il palloncino blu decise di prenderlo con sé e di farlo diventare un grande clown, lo chiamo’ Palloncino Pagliaccino, gli mise delle grandi scarpe, un coloratissimo cappello e da quel giorno diventarono inseparabili.

Escamillo e Palloncino Pagliaccino cominciarono a viaggiare per portare un sorriso a tutti i bambini del mondo,potevano volare con l’ombrello magico o con l’aeroplanino scoppietto.

Guarda il cielo anche tu, magari Escamillo e Palloncino Pagliaccino stanno arrivando anche da te!"

(Isabella Gallotta, scuola materna sant'Uguzzone - Milano)

     
 

progettazione e realizzazione area24 s.r.l.